Giovanni Campilongo

25 - MARZO - 2013



Buongiorno Popolo a 5 Stelle,
oggi volevo fare una precisazione, ovviamente chi segue il movimento 5 stelle non ha bisogno di delucidazioni, ma forse, in linea generale e' meglio ribadire un concetto importante. La maggior parte dei partiti politici hanno usato contro il Movimento l'arma dell'indifferenza (se non informiamo i cittadini tramite i mezzi d'informazione l'esistenza del movimento allora non esiste il movimento), a breve,si sono accorti però di aver sbagliato strategia alla grande, ritrovandosi il Movimento 5 Stelle alle costole, allora hanno cambiato piano, non potendo piu' dare indifferenza ad una forza che ormai si e' dilagata in tutto il paese, hanno scelto semplicemente di screditarlo (sempre tramite i mezzi d'informazione da loro controllati) facendo passare spesso il messaggio che "Grillo e' solo un populista,che dice cose belle ma irrealizzabili o che peggio ancora, il nostro PROGRAMMA è bello ma troppo facile per essere vero e quindi per sognatori". Cari signori politici, qui nessuno pensa che il nostro programma sia facile, il nostro messaggio non e' "tutti a casa e l'Italia diventa un paradiso o usciamo dall'Europa e l'Italia diventa il paese piu' ricco del mondo, questo non e' il nostro pensiero ma UN VOSTRO MESSAGGIO DI PROPAGANDA, il nostro modo di pensare è tutt'altro, L'italia e' un paese fallito in balia di una moneta europea fallita, i nostri problemi non si limitano a quelli economici ma anche a quelli politici e sociali e in una situazione del genere solo un pazzo penserebbe che basta buttare fuori chi ci ha rovinato per risolvere tutto, il "buttare fuori" certa gente (e processarli ovviamente) e' solo un atto dovuto,il primo passo, subito dopo aver pulito il parlamento allora partira' il nostro programma (non ora facendo inciuci o/e compromessi, ma soli,noi e il nostro programma votato dai cittadini) che parla di tagli alla casta-tagli alla guerra-acqua pubblica-scuola pubblica-pensionati-reddito di cittadinanza-occupazione ecc..,senza però,pensare minimamente che sarà un percorso semplice e breve, al contrario sarà un cammino duro e forse pure rischioso per certi versi, un periodo di sacrifici per ritornare ITALIA e non piu' italianetta dellla bce, ma una cosa possiamo gridarla ad alta voce perche' sta nel nostro programma e nella nostra coerenza, stavolta i sacrifici li faremo TUTTI, ad iniziare dal presidente della repubblica per passare dalle banche e dalle multinazionali per poi finire ai cittadini piu' deboli e non al contrario come sempre.





Inserire un commento su questa pagina:
Il tuo nome:
La tua Homepage:
Il tuo messaggio: